La scommessa di SCENA

La scommessa di SCENA


SCENA è un acronimo che conteneva una scommessa.

È possibile che un luogo simbolo della storia del cinema romano, e non solo, possa continuare a svolgere una funzione di laboratorio, di contenitore, di hub culturale per la settima arte, e non solo?

La scommessa finora è stata ampiamente vinta, perché Scena dalla sua apertura ha ospitato:

  • importanti manifestazioni del mondo del Cinema, dalla Festa del Cinema di Roma alla settimana della Critica della Mostra del Cinema di Venezia, dai Nastri d’Argenti al Caesar d’or;
  • un numero cospicuo di festival: fra gli altri Mujeres, Murmat, Lo Spiraglio, Roma Poetry Film Festival, Slow Film Festival, Afrodite Shorts, Fuorinorma;
  • rassegne personali di registi e registe (fra cui Daniele Vicari, Eleonora Danco, Susanna Nicchiarelli, Costanza Quatriglio);
  • Lampi di Luce, la rassegna di documentari curata da Luce Cinecittà;
  • Inventare Storie Vere, la rassegna di film a stretto contatto con la realtà a cura dei 100autori;
  • Buona la prima, la rassegna di esordi a cura della Scuola Volonté;
  • la rassegna Cinema&Scienza per avvicinare il mondo umanistico a quello scientifico a cura del CNR;
  • la rassegna Cinema&Memoria sulla filmografia dell’Olocausto a cura di Irsifar;
  • CHŪNJIÉ, la rassegna di Cinema Cinese;
  • CinEU Forum, la rassegna in collaborazione con la Lazio Youth Card;

A quest’elenco vanno aggiunti il Decennale della Volonté, le Notti bianche del Cinema, le moltissime anteprime stampa, i corsi di formazione e una programmazione pressoché quotidiana con proiezioni gratuite dei film che hanno ricevuto i finanziamenti della Regione Lazio tramite Lazio Cinema International e il Fondo regionale.

Un concreto esempio dell’aspetto polifunzionale e polivalente di Scena e della sua attenzione alla cultura e al territorio si è avuto con Scena Pasolini, un progetto dedicato al centenario di Pasolini, che ha avuto il suo incipit a marzo con decine di incontri di ambito cinematografico, letterario, editoriale, poetico, musicale, e che prosegue per tutto il 2022.

Inoltre per vincere a pieno la scommessa contenuta nell’acronimo sono state organizzate anche altre attività: dal ciclo “Cinescrittori” con la presenza di registe e registi che si sono cimentati nei libri (come Giuliano Montaldo, Marco Risi, Cristina Comencini fra gli altri) a esperimenti di videoarte, appuntamenti con la musica e il teatro.

Last but not least va considerato il ruolo di Scena nei processi di alfabetizzazione cinematografica per le nuove generazioni. Molte le mattina in cui i progetti scuola ABC hanno popolato Scena con le loro attività o scuole del territorio sono venute per proiezioni a loro dedicate.